Dalle citronelle alla difesa biologica con i pipistrelli

Scritto da Rossana De Caro |    Giugno 2007    |    Pag.

Laureata in Lettere all'Ateneo fiorentino, ha lavorato per molti anni come giornalista in emittenti televisive e radio locali, realizzando programmi di costume e società. Ha collaborato inoltre con La Nazione per la cronaca di Firenze e gli spettacoli. 

Dal 1998 scrive articoli per l'Informatore. Si occupa anche di uffici stampa per la promozione di eventi a Firenze e in Toscana.

Ha pubblicato il libro 'Ardengo Soffici critico d'arte'. 

Dal 2009 al 2015, sempre come collaborazione esterna, è stata coordinatrice redazionale dell'Informatore.

Zanzare: come difendersi
Eccole di nuovo. Con l'arrivo dell'estate tornano le zanzare: in giardino, in terrazza, in casa. Non è facile liberarsene. Il clima sempre più caldo, con inverni più miti, e un'accresciuta resistenza ai vari prodotti chimici ne favoriscono la riproduzione.
Per evitare di essere tormentati da questi insetti, si può ricorrere a trattamenti preventivi disinfestanti (da fare nel periodo di maggio-giugno) rivolgendosi ad aziende specializzate (oggi vengono utilizzati prodotti antilarvali atossici a basso impatto ambientale); adottare semplici regole utili per prevenire focolai di infestazione: come eliminare tutti i recipienti con acqua presenti all'esterno o coprirli con un telo, ripulire i piccoli corsi di acqua, controllare che le grondaie non siano otturate e che l'acqua possa defluire. Ricordiamo che le larve vivono in piccoli depositi di acqua stagnante, anche nei sottovasi delle piante si possono trovare centinaia di uova. Inoltre c'è in vendita tutta una serie di prodotti e articoli specifici per la protezione dalle zanzare.

Le piastrine in piretro e i fornellini per gli ambienti interni, le cui esalazioni risultano letali per gli insetti; le zanzariere in alluminio dotate di una fitta trama, da applicare a finestre e porte. Fisse o apribili, sono comode e molto efficaci per bloccare qualunque sgradito ospite notturno e ci permettono di dormire con la finestra aperta.
E ancora spray e stick per la pelle, a base di principi attivi naturali (menta, basilico, lavanda, geranio), non irritanti, efficaci per circa 40-60 minuti. Per l'esterno zampironi e candele all'essenza di citronella, quest'ultime sempre più apprezzate perché con il loro odore infastidiscono gli insetti allontanandoli almeno temporaneamente, consentendoci di poter godere del fresco serale e di cenare all'aperto senza diventare a nostra volta dei bei bocconcini.

Progetto pipistrelli
Un altro "rimedio" contro le zanzare sono i pipistrelli: degli zampironi naturali efficacissimi! Questi animali, creature della notte, in genere poco amati in quanto tradizionalmente considerati sinistri (in realtà del tutto innocui e timidissimi), sono dei validi alleati nella lotta biologica alle zanzare (e agli insetti dannosi per le colture). Pensate che un pipistrello in una notte può arrivare a mangiare fino a tremila zanzare! Purtroppo per noi ormai in giro ce ne sono pochi. L'inquinamento e l'urbanizzazione delle campagne hanno messo questa specie animale a rischio di sopravvivenza. L'Università di Firenze e il Museo di Storia naturale di Firenze si sono mobilitati in una campagna per la rivalutazione e la salvaguardia dei pipistrelli. È stato attivato uno studio per la loro tutela e conservazione e sono state messe a puntodelle casette di legno - le bat box - che, posizionate in modo adeguato sugli alberi o sulla parete della casa, possono offrire un rifugio ai pipistrelli.
Coop, da sempre sensibile ai problemi ambientali e alla ricerca scientifica, ha deciso di aderire a questa iniziativa contribuendo finanziariamente per la diffusione delle bat-box. Per quest'anno ne saranno prodotte 200 dalla Copart, cooperativa di falegnami di Limite, e donate ai ricercatori dell'Università per completare lo studio sui pipistrelli nostrali.

bat giuda
L'amico bat
Per sapere tutto o quasi sui pipistrelli, le loro abitudini e tante curiosità sul loro mondo notturno, è in distribuzione in tutti i super ed ipermercati dell'Unicoop Firenze "Un pipistrello per amico". Si tratta di un piccolo opuscolo scritto dal professor Paolo Agnelli e Laura Ducci, dell'Università di Firenze, con linguaggio semplice e divulgativo: una vera miniera di informazioni scientifiche e utili consigli.

Chirotteri in rete
Il Museo di storia Naturale dell'Università di Firenze vanta una lunga tradizione nello studio dei Chirotteri (questo è il nome scientifico dell'Ordine di cui fanno parte); molti sono i lavori curati dagli specialisti del Museo dove potrete trovare informazioni più dettagliate su questi affascinanti animali. Ecco alcuni riferimenti bibiografici.
Museo di Storia Naturale, Università degli Studi di Firenze (sezione di zoologia "La Specola ):
www.msn.unifi.it
Iconografia dei mammiferi d'Italia:
www2.minambiente.it/Sito/settori_azione/scn/docs/qcn/mi/qcn_mammiferi_chirotteri.pdf
Linee giuda per il monitoraggio dei Chirotteri:
www2.minambiente.it/Sito/settori_azione/scn/docs/qcn/qcn_monitoraggio_chirotteri.zip
Recentemente è stata fondata un'associazione che riunisce i maggiori esperti italiani di chirotteri, il GIRC (Gruppo Italiano Ricerca Chirotteri) che ha per scopo lo sviluppo della ricerca sui pipistrelli in Italia e la divulgazione di corrette informazioni sulla loro biologia (www.pipistrelli.org).
Molto ben fatto è il sito del Centro regionale Chirotteri del Piemonte, dove trovare informazioni uitli sui pipistrelli che frequentano gli edifici, come soccorrere esemplari in difficoltà, ecc.
(www.centroregionalechirotteri.org).
Altre associazioni internazionali si contattano ai seguenti indirizzi:
Bat conservation trust
www.bats.org.uk/
Bat conservation international
www.batcon.org/home/default.asp Bat conservation and management
www.batmanagement.com



A questo indirizzo: http://www.msn.unifi.it/CMpro-v-p-468.html potete trovare la versione pdf dell'opuscolo "Un pipistrello per amico".

Articoli e prodotti contro le zanzare in promozione negli iper



Per ogni citronella in promozione venduta negli iper saranno destinati 20 centesimi al Museo di storia naturale per l'acquisto delle bat-casette