Alla scoperta del passato con il corso di Etruscologia

Scritto da Sara Barbanera |    Aprile 2013    |    Pag. 7

Laureata in Scienze della comunicazione presso l'Università La Sapienza di Roma nel 2001, nel 2016 consegue la laurea in Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale presso l'Università degli studi di Firenze.

È giornalista dal 2001, dopo la collaborazione con la cronaca umbra del Messaggero e con altri periodici locali.

Dal 2004 lavora in Unicoop Firenze dove, per 5 anni, ha svolto attività in vari punti di vendita, con un percorso di formazione da addetta casse a capo reparto servizio al cliente. Dal 2009 al 2011 ha coordinato le sezioni soci Coop di Firenze.

Dal giugno 2011 è direttore responsabile dell'Informatore Unicoop Firenze, responsabile della trasmissione Informacoop e della comunicazione digitale presso gli spazi soci Coop.

Il bello non ha età. E piace a ogni età. E coloro che vorranno assaporarlo sul campo, troveranno pane per i loro denti con una visita al Museo etrusco Guarnacci di Volterra: un percorso su tre piani dalla prima età del ferro in poi, passando per terracotta, alabastro, bronzo e oro.

Nato nel 1761, grazie alla donazione del patrimonio archeologico dell’abate Mario Guarnacci, il museo conta oltre 600 urne, con ricostruzioni d’interi complessi tombali, ma anche oggetti d’ornamento e da toeletta, statuette, specchi, vasellame, monete fino ai veri e propri monumenti scultorei di uso funerario.

Fra i tanti, di certo due sono reperti di fama ormai mondiale: Il coperchio degli sposi, che lascia a bocca aperta per l’intensità dello sguardo dei due anziani sul letto del banchetto.

Museo etrusco guarnacci vita da principi2Non meno suggestivo è il bronzo l’Ombra della sera che, con la figura allungata di un’ombra al tramonto, richiama le forme dell’arte moderna o addirittura contemporanea. I piccoli e grandi segreti dell’arte etrusca sono invece rivelati nella sala 29, dedicata alla ricostruzione di una bottega antica con gli strumenti di lavoro tutt’ora utilizzati dagli artigiani volterrani dell’alabastro.

Il viaggio nel tempo e nelle vicende dell’antica Volterra ha ispirato il corso “Gli Etruschi e Velathri” che, giunto alla sua seconda edizione, quest’anno ha visto fra i partecipanti anche gli studenti delle scuole superiori di Volterra.

«Il corso non è per eruditi o specialisti – spiega Fabrizio Burchianti, direttore del museo –, ma ha lo scopo di avvicinare tutti a un patrimonio in cui affondano le nostre radici. Il coinvolgimento dei giovani è fondamentale per dare continuità a una ricchezza lunga tremila anni e di proprietà della stessa comunità volterrana.

Per questo da febbraio abbiamo dato il via anche a percorsi didattici curati dalla cooperativa Itinera presso le scuole e all’interno del museo stesso».

Museo etrusco guarnacci vita da principi3Spiega Claudio Gazzarri, responsabile del Gruppo archeologico Velathri-Volterra che gestisce i corsi: «Abbiamo lavorato in tanti perché il corso fosse di qualità e soprattutto, gratuito: il Museo etrusco Guarnacci e la Pinacoteca e museo civico, l’Associazione pro Volterra, la locale sezione soci Coop e il Comune di Volterra, uniti in uno sforzo comune perché il sapere e la cultura non restino relegati in stanze polverose o vengano abbandonati a se stessi».

Al programma si aggiunge anche una finalità sociale: il contributo di 10 Euro per partecipante verrà donato alla Fondazione Il Cuore si scioglie onlus, in favore della Caritas diocesana di Volterra.

Insomma un viaggio sulla macchina del tempo fra principi, guerrieri armati e memorie del presente: fra le curiosità in mostra, di certo nota a tutti i volterrani, l’urna con la porta di Tebe che rappresenta la Porta all’Arco di Volterra, ancora conservata nel cuore della città.

Info: 058886347

Museo etrusco Guarnacci, via Don Minzoni n. 15, Volterra (PI)

Orario: aperto tutti i giorni dalle 9 alle 19. Ingresso ridotto per i soci Coop

Video “Oro che parla etrusco” - Della coop Fabula Etrusca. Durata 7’.



Notizie correlate

La città degli Etruschi

Un nuovo museo che raccoglie i reperti e i manufatti scoperti nella zona



Etruschi in riva all'Arno

Il Parco archeologico di Montereggi



Etruschi di Volterra

Capolavori da tutto il mondo riuniti a Palazzo dei Priori. Ingresso a sconto per i soci Coop




Dagli Etruschi in poi

Curiosità, tradizioni e oltre 300 ricette. A marzo in tutti i punti di vendita della cooperativa, con il 40% di sconto