Le attività extra-lavorative dei dipendenti Unicoop Firenze

Scritto da Sara Barbanera |    Settembre 2012    |    Pag.

Laureata in Scienze della comunicazione presso l'Università La Sapienza di Roma nel 2001, nel 2016 consegue la laurea in Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale presso l'Università degli studi di Firenze.

È giornalista dal 2001, dopo la collaborazione con la cronaca umbra del Messaggero e con altri periodici locali.

Dal 2004 lavora in Unicoop Firenze dove, per 5 anni, ha svolto attività in vari punti di vendita, con un percorso di formazione da addetta casse a capo reparto servizio al cliente. Dal 2009 al 2011 ha coordinato le sezioni soci Coop di Firenze.

Dal giugno 2011 è direttore responsabile dell'Informatore Unicoop Firenze, responsabile della trasmissione Informacoop e della comunicazione digitale presso gli spazi soci Coop.

Margherita adesso è tua
Il dolore a volte è una grande miccia che può produrre reazioni a catena. È una catena di persone e di colleghi di Unicoop Firenze quella che si è ritrovata a scrivere il libro Margherita adesso è tua, una raccolta di ricordi e memorie dedicati a Claudio Pierini che il 7 luglio 2011 ha perso la vita in un incidente sul lavoro. Quando il tempo non si può riavvolgere, deve essere impiegato per reagire e dare senso al giorno dopo: così, lo scorso dicembre il gruppo di colleghi si è ritrovato e ha fondato l'associazione "Claudio Pierini vive". Oltre che omaggio alla memoria di Claudio, scopo dell'associazione è la realizzazione di un fondo di sostegno per i colleghi con comprovate difficoltà economiche; a luglio scorso è stato già trovato un primo beneficiario: è possibile contribuire al fondo con il tesseramento, la donazione di ore di lavoro, l'acquisto del libro e la donazione sul conto corrente postale n° 1004081319.
Fra i ricordi che scorrono, scanzonati, malinconici e affettuosi, passa anche la solidarietà concreta del giorno dopo. Informazioni sull'associazione sono disponibili sulla pagina Facebook "Claudio Pierini Vive".

Semplice e per tutti
Il gesto è semplice, non costa niente ma fa la differenza: dai diciotto anni in su e con idonee condizioni fisiche, tutti possono donare sangue; Scilla, collega del punto vendita di Cimabue, lancia un appello che non è mai fuori moda: ogni ottobre infatti la Fratellanza Popolare di Grassina rinnova la campagna di adesioni con una raccolta straordinaria con l'autoemoteca, il camper allestito per i prelievi e come punto informativo sul tema. «Dal 2007 coordino queste attività - racconta Scilla - e noto un aumento sia dei donatori che della necessità di sangue, legata all'invecchiamento della popolazione. La nostra campagna invita ad un gesto semplice e fondamentale, perché diventi la buona abitudine di una società sensibile e solidale». Un'occasione per essere utili anche a sé, perché con il prelievo vengono fatte analisi generali gratuite del donatore che gli permettono di tenere sotto controllo anche la propria salute. Per informazioni, www.fratellanzagrassina.it - tel. 055646331.

Non solo cucina
Un appello per tre che si conclude con quello di Pasquale, di Santa Reparata che, con altri dieci colleghi, ha partecipato alle attività della Caritas di Firenze. A gennaio scorso il gruppo di colleghi, insieme a due sezioni soci, ha prestato mani e braccia per la preparazione e distribuzione dei pasti del sabato e del martedì alla mensa di via Baracca, frequentata giornalmente da circa 350 persone. La voce si è sparsa e i volontari sono diventati più di trenta, come racconta Pasquale: «La risposta dei colleghi al nostro primo appello è stata sorprendente! Così tanto che ora in cucina siamo anche troppi. Il passo successivo è organizzarsi. Per questo nuovi colleghi saranno benvenuti non più solo per la mensa Caritas ma anche per altre azioni di volontariato di cui tutto il territorio ha necessità».
Insomma, l'importante è essere tanti e utili, perché per la solidarietà c'è sempre un posto a tavola.