Le proposte, le attività, i luoghi dell’edizione 2016. Intervista ad Antonella Salvini

Scritto da Bruno Santini |    Giugno 2016    |    Pag. 29

Attore e giornalista. Attore teatrale (con esperienze al fianco di S. Randone, E. M. Salerno, A. Asti...), cinematografico (in film di Pieraccioni, Monicelli, Panariello, Vanzina...) e televisivo (in fiction come 'La squadra', 'Carabinieri 2", "Vivere", "Questa casa non è un albergo"...). Giornalista dal 1990, è anche speaker ed autore radiofonico. E' il conduttore del programma televisivo "InformaCoop".

Attività con i più piccoli - G.C. OPENLAB

Attività

Spettacoli, laboratori interattivi, dimostrazioni e visite guidate, originali “passeggiate matematiche” per il centro storico di Firenze... questo e tanto altro è “ScienzEstate”, manifestazione di divulgazione scientifica dell’Ateneo fiorentino (a cura di OpenLab), giunta alla sua tredicesima edizione.

Un ricco programma di proposte che si snoda (dal 7 al 13 giugno) tra Firenze e il campus di Sesto Fiorentino.

Chiediamo ad Antonella Salvini (professore associato del Dipartimento di chimica Ugo Schiff) di spiegarci cos’è e come opera OpenLab.

«È un servizio dell’Università degli Studi di Firenze che opera all’interno dell’Area museale di ateneo. È una guida alla conoscenza scientifica, nata nel 2002 per divulgare e diffondere la cultura scientifica; oggi è sempre più impegnato a svolgere questa attività, valorizzando le interazioni fra scienza e altri ambiti culturali. Oltre alla divulgazione svolge attività didattiche in collaborazione con scuole di ogni ordine e grado (da quella dell’infanzia alle superiori), con l’intento di interessare i giovani allo studio delle discipline scientifiche».

Cosa rappresenta “ScienzEstate” e qual è la filosofia alla base di questa iniziativa?

«La nostra è una manifestazione di divulgazione dove le famiglie, i bambini, i giovani e gli anziani vengono a contatto con il mondo della ricerca, partecipando a spettacoli, laboratori interattivi, dimostrazioni e visite guidate. Il nostro obiettivo è divulgare le conoscenze scientifiche in modo semplice e appassionante, aprendo i laboratori della ricerca alla conoscenza del pubblico, mostrando la bellezza della scienza e cercando di stimolare la curiosità».

Com’è strutturato il programma di “ScienzEstate”?

«Su diverse giornate e diverse sedi: martedì 7 giugno le attività inizieranno a Firenze al plesso didattico di via Gino Capponi 9, per proseguire presso l’Orto botanico con alcune attività artistiche e con la visita a una sezione del Museo di storia naturale. Mercoledì 8 e giovedì 9 giugno è prevista la maggior parte delle attività (fra cui spettacoli, laboratori interattivi, dimostrazioni e visite guidate) concentrate nel Campus di Sesto Fiorentino. Infine venerdì 10 le attività si svolgeranno a Careggi presso le sezioni del Museo di anatomia, anatomia patologica e fisiologia. L’ultimo evento sarà lunedì 13 giugno alla libreria Feltrinelli Red in piazza della Repubblica a Firenze, con la presentazione del nuovo libro del rettore Luigi Dei Diario Social di un Rettore. La chimica nel paese di Facebook».

Quali le novità dell’edizione 2016?

«Fra le diverse tematiche, quest’anno viene dedicata particolare attenzione allo sviluppo sostenibile. Ci sarà un workshop nella giornata iniziale, dove saranno discusse problematiche sociali come il rapporto fra donna e sostenibilità o le grandi migrazioni, ma anche aspetti scientifici come l’impatto ambientale dei processi industriali. Sullo stesso argomento si potranno trovare vari percorsi specifici nei laboratori di ricerca del Campus scientifico e tecnologico di Sesto Fiorentino. Questa tematica è di grande interesse e attualità ed è anche presente nel piano strategico di Ateneo con corsi di formazione sulla ‘”buona pratica”».

Come approcciarsi ai laboratori?

«Il programma propone temi in diverse discipline scientifiche e tecnologiche con percorsi adatti a utenti diversi, sia per fascia di età che per interesse. È consigliabile osservare i dettagli del programma su www.openlab.unifi.it prima di iniziare la visita, in modo da selezionare le attività sulla base degli interessi personali o dell’età. Mi piace ricordare che tutte le iniziative sono a ingresso gratuito, ma che per alcune è necessaria la prenotazione».

Le viene in mente un aneddoto emblematico accaduto in una delle passate edizioni?

«Sono tante le immagini delle edizioni passate di “ScienzEstate”: fra le più belle, le famiglie che percorrono spensierate e gioiose le strade del Campus per visitare i vari laboratori. Ricordo, in particolare, un nonno che ogni anno veniva con il nipote per condividere questa esperienza. Molti di quei bambini oggi sono nostri studenti e forse domani parteciperanno alle attività divulgative».

Info: www.openlab.unifi.it


L'intervistata

Antonella Salvini, professore associato del Dipartimento di chimica Ugo Schiff dell'ateneo di Firenze

Video


Notizie correlate

A passeggio nella scienza

Un percorso a tappe, visite guidate, un libro, un sito.


L’altra faccia di Galileo

Autore di una commedia, novizio vallombrosano. Una mostra su monaci e scienza

Video

Meccanica celeste

Andrea Milani Comparetti, docente di matematica, con la passione della fantascienza, che studia le traiettorie degli asteroidi


Il sapore del sapere

Scienza, arte, sociologia, psicologia… e tanto altro nell’impegno culturale delle sezioni soci


Nel nome di Galileo

Riapre il Museo di storia della scienza di Firenze, che porterà il nome dello scienziato pisano. Dal 1° maggio in tutta la Toscana parte l'iniziativa "Amico museo"