Sugli scaffali in promozione, 2 fiasche per carta socio.

Scritto da Melania Pellegrini |    Dicembre 2014    |    Pag.

Nata a Roma, si è laureata in Lettere moderne nel 1993. Comincia la sua attività giornalistica nel 1996 con il quotidiano on line Ultime Notizie che un anno dopo approda nelle edicole romane. Nello stesso periodo comincia a lavorare presso l’ufficio comunicazione e stampa dell’ass. di categoria Unione nazionale costruttori macchine agricole dove si occupa della rivista mensile MondoMacchina/MachineryWorld.

Nel 2001 si trasferisce a Firenze. Qui lavora come organizzatrice di congressi e eventi culturali al Convitto della Calza e comincia a scrivere per il settimanale locale Metropoli con cui collabora fino al 2011. Nel 2003 partecipa al concorso per entrare all’ipercoop di Sesto Fiorentino, passa tutte le selezioni e viene assunta come cassiera. Da questa sua esperienza lavorativa, che continua tutt’oggi, nel 2011 nasce “Diario di una cassiera”, una rubrica pubblicata sull’Informatore, la rivista mensile di Unicoop Firenze. Sempre nel 2011 scrive il volume “I nostri primi 30 anni. La sezione soci Coop di Campi Bisenzio fra impegno, solidarietà, socialità e partecipazione”. Da gennaio 2012 si occupa delle rubrica Guida alla spesa dell’Informatore.

La produzione mondiale delle olive ha segnato quest’anno un crollo: -17 per cento rispetto alla media degli scorsi anni. Un caso eclatante è la Spagna, prima produttrice mondiale di olio, dove il raccolto è stato dimezzato a causa delle scarse precipitazioni registrate in Andalusia, la principale regione produttrice.

I dati diffusi da Coldiretti sono allarmanti anche per l’Italia, e denunciano la scarsità di produzione su tutto il nostro territorio. Sono stati registrati problemi dovuti sia a ragioni climatiche non favorevoli, sia a una malattia che ha colpito molti ulivi. Il calo di produzione medio in Italia è stimato nel 30 per cento (circa 300.000 tonnellate).

Problemi per tutto il Centro Nord dove il calo si attesta fra il 35 e il 50 per cento. La Toscana in particolare ha perso circa la metà del suo raccolto e, sempre secondo una stima, questa perdita potrebbe toccare anche il 70 per cento proprio a causa della malattia che ha colpito le olive raccolte, che potrebbero avere uno scarso rendimento dopo la spremitura. Situazione difficile anche al Sud, dalla Calabria alla Puglia.

Unicoop Firenze è riuscita, comunque, anche quest’anno a garantire la promozione sull’olio Fior fiore Coop.

Nonostante il prezzo di acquisto abbia subito un aumento consistente, Unicoop Firenze ha deciso di fare un investimento e non riversare sul socio l’intero aumento del prezzo. Per fare questo e garantire ai soci la promozione a cui sono abituati da tanto tempo e che è sempre molto gradita, ci sarà una limitazione drastica per carta socio. L’olio sarà comunque di olive italiane certificate dal fornitore e da Coop Italia e la qualità sarà sempre quella Fior fiore Coop.

Olive

Prezzo competitivo

Il costo sarà assolutamente competitivo: appena 19 euro per una fiasca da 5 litri di olio extravergine di oliva Nuovo raccolto 100 per cento italiano, ovvero 3,8 euro a litro. L’olio in Toscana non è solo un condimento, ma è parte dell’identità gastronomica e culturale di questa terra: non poteva mancare sulle tavole dei toscani. Neanche in questo 2014, così nero per il prodotto regionale.

Unicoop Firenze, nonostante la difficoltà di reperimento del prodotto, mette in vendita ottocentomila fiasche: lo stesso quantitativo acquistato dai soci nella campagna olio 2013.

Quest’anno, viste le condizioni di mercato eccezionali, per garantire a tutti la possibilità di acquisto a ogni carta socio spetterà due fiasche.

I prodotti Fior fiore sono il frutto di un profondo lavoro di cura e selezione. L’olio extravergine di oliva 100 per cento italiano non filtrato ha un colore verde intenso con riflessi dorati, caratteristico profumo di olive appena frante e gusto equilibrato con leggere note di amaro e piccante. Si ottiene da una selezione di cultivar tipicamente legate alla tradizione olearia italiana, quali Coratina, Ogliarola, Nocellara e Frantoio. Le zone di provenienza sono: Sicilia, Calabria e Puglia.

Il frantoio e il museo - L'olio di Montalbano e il genio di Leonardo da Vinci: tour per i soci di Unicoop Firenze. Dalla trasmissione Informacoop del 10.04.14 – durata 6’ 38’’