Zeffiro Ciuffoletti, Minima culinaria, Edizioni Polistampa

Scritto da Andrea Schillaci |    Maggio 2016    |    Pag. 15

Giornalista professionista, laureato in Scienze Politiche, è stato redattore de La Città e della Gazzetta di Siena, ha lavorato per l’Ansa, la Voce, il Classico, Toscana Qui. Negli ultimi quindici anni, ha collaborato con varie riviste dell’Editoriale Olimpia ed è stato vice caposervizio di Mondo Sommerso.

Il libro

Come sono nate le lasagne? Da cosa deriva il detto “mangiare in bianco”? E quando abbiamo iniziato ad usare le forchette?

Il saggio dello storico Zeffiro Ciuffoletti Minima culinaria dà una risposta a queste e a moltissime altre domande legate all’alimentazione in modo stimolante e divertente.

“Non si tratta di un saggio antropologico – scrive nell’introduzione Claudio Costagli – né tantomeno di un ricettario (…) bensì di una raccolta di pillole che portano alla scoperta di un piccolo mondo antico, ma non troppo, perché i riferimenti all’oggi sono sempre presenti”.

Con questo libro, l’autore, da sempre appassionato ricercatore e conoscitore del gusto, specie quello legato alla tavola, punta a mettere al centro dell’attenzione il cibo, l’atto culturale e sociale del mangiare attraverso efficaci collegamenti storici.

Per la cronaca, la lasagna assunse la forma che conosciamo verso il XV secolo, mentre “mangiare in bianco” non è altro che la derivazione del “biancomangiare” citato dal filosofo Marsilio Ficino in un trattato dedicato a Lorenzo de’ Medici nel 1489; infine, la forchetta, come oggi la conosciamo deriva da un “puntorio di legno” utilizzato alla corte angioina di Napoli intorno al ‘200 ma decisamente scomodo e quindi trasformato piano piano in lingule a due o tre rebbi, fino ad arrivare alle forchette attuali.

Zeffiro Ciuffoletti
Minima culinaria Edizioni Polistampa,  2015

Euro 7,50

Con lo sconto del 15%, euro 6,38


Notizie correlate

I biscotti del professore

Ecco il testo terzo classificato al concorso "La ricetta raccontata"



Coste golose

Una ricetta locale storica,protagonista il sedano


Il gusto e il bello

La ricetta anticrisi per la cooperativa e il suo giornale


L’arte di utilizzare gli avanzi

Riedito il ricettario di Olindo Guerrini


Galeotto fu lo zafferano

Racconti segnalati al concorso "La ricetta raccontata"