Più donne e nuovi anche 13 presidenti di sezione soci su 38

Scritto da Sara Barbanera |    Giugno 2014    |    Pag.

Laureata in Scienze della comunicazione presso l'Università La Sapienza di Roma nel 2001, nel 2016 consegue la laurea in Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale presso l'Università degli studi di Firenze.

È giornalista dal 2001, dopo la collaborazione con la cronaca umbra del Messaggero e con altri periodici locali.

Dal 2004 lavora in Unicoop Firenze dove, per 5 anni, ha svolto attività in vari punti di vendita, con un percorso di formazione da addetta casse a capo reparto servizio al cliente. Dal 2009 al 2011 ha coordinato le sezioni soci Coop di Firenze.

Dal giugno 2011 è direttore responsabile dell'Informatore Unicoop Firenze, responsabile della trasmissione Informacoop e della comunicazione digitale presso gli spazi soci Coop.

Se le elezioni rappresentano il momento in cui ogni testa può esprimere un voto, in Unicoop Firenze i soci hanno parlato chiaro: porte aperte al nuovo e più volti al femminile per i nuovi 38 consigli delle sezioni soci che si sono ufficialmente insediati dai primi di aprile e già alle prese con attività e novità del territorio.

Nuovo sì, ma senza disperdere il capitale di persone e attività dei consigli uscenti, riconfermati per una quota del 63%, a fronte di un 37% circa di nuovi eletti: in numeri, 446 consiglieri riconfermati che ne accolgono ben 260 entranti, che magari già da tempo partecipano e collaborano alle attività della propria sezione.

Forse sull’onda di un acceso dibattito nazionale o forse perché sempre più anche le donne liberano il loro tempo dai doveri domestici, tanti sono i nomi femminili che esprimeranno la voce del totale dei soci della Cooperativa (1.222.861) che, non a caso, è composto per il 56% da donne (688.936) e per il 44% da uomini (533.925).

Il dato si riflette infatti nei nuovi consigli che, a differenza del precedente triennio, su 706 consiglieri eletti vedono le donne in lieve maggioranza con una percentuale del 53% (372) a fronte di un 47% di uomini (334). Che sia un caso o una tendenza, la tinta rosa è portata in buona misura dai 260 nuovi eletti suddivisi fra un 62% di donne (161) e un 38% di uomini (99).

Fra i 50.000 soci che hanno votato in tre giorni a marzo nei punti vendita dell’Unicoop Firenze, i più presenti alle urne si confermano i soci dei centri più piccoli, come Barberino, Colle di Val d’Elsa o Volterra dove i votanti hanno superato la quota del 10%. Anche Pisa e l’area del pisano si riconfermano zone piuttosto reattive, con percentuali di voto che vanno fra il 5 e il 10%.

La dimensione urbana, con i suoi ritmi più frenetici, non gioca a favore del voto che ha riscontrato percentuali più basse proprio in alcune delle città maggiori, come la stessa Firenze, Prato o Pistoia mentre le zone limitrofe come Sesto Fiorentino, Campi Bisenzio, Impruneta e Le Signe incontrano una risposta più pronta al voto che ha raggiunto quote intorno al 6%.

Al di là di numeri, il dato che emerge è l’interesse e la disponibilità dei soci attivi a esserci, a spendersi, a mettere il proprio volto e il loro tempo nelle attività della Cooperativa che, proprio attraverso le sezioni soci, esprime la sua vocazione sociale: quella fatta di volontarietà e creatività, tanto preziosa e irrinunciabile quanto la sua missione economica sul territorio. 


Notizie correlate


A marzo si vota

Elezioni per il rinnovo dei consigli delle sezioni soci


E' tempo di elezioni

Si rinnovano i consigli delle sezioni soci. Un appuntamento importante per tutta la cooperativa



Urne aperte

Dal 14 al 19 marzo le elezioni per il rinnovo dei consigli delle 38 sezioni soci