La storia di uno dei più importanti castelli della Valdambra

Bucine (AR)

È quanto resta di uno dei più importanti castelli della Valdambra, in posizione strategica rispetto alla vallata sottostante.

Nel 1335 i fiorentini occuparono il castello; da alcuni documenti risulta che allora esistessero due torri e, nel XV secolo, un villaggio fortificato all’interno.

Nel XVI secolo Galatrona fu coinvolta nella lotta dei Medici alleati di Carlo V contro Siena e il re di Francia; con la vittoria degli imperiali e la fine della Repubblica Senese, Galatrona passò a Firenze e dipese da Bucine.

La torre, conservata per quasi tutta l’altezza di 26 metri, è stata oggetto di lavori di restauro e riqualificazione ambientale, terminati nel 2007.

All’interno ospita reperti ceramici appartenenti a varie epoche e un percorso tematico multimediale sulla storia di Galatrona e del suo castello.

Dalla terrazza si gode un panorama che spazia dal monte della Verna in Casentino al monte Cimone sull’appennino toscoemiliano, dalla valle dell’Arno fino a Incisa Valdarno.

La Torre è visitabile da aprile a ottobre il sabato pomeriggio, ore 15-19, le domeniche ore 10-12 e 15-19, i festivi infrasettimanali ore 15-19.

Amici del Torrione 0559707336 o 3333768631; Circolo Arci Mercatale Valdarno – Bucine, 0559911440, suami52@alice.it


Notizie correlate

Il profeta dell'Amiata

La torre di Monte Labro, sede della comunità di Davide Lazzaretti


Bellezze di Toscana

Una fiction per la Rai ambientata ad Arezzo e provincia