Ipercascina parte
Gli Ipercoop, in Toscana, devono essere un frutto autunnale. E così anche quello di Cascina verrà inaugurato fra la fine di ottobre e gli inizi di novembre, com'è successo per gli altri quattro dell'Unicoop Firenze, giorno più, giorno meno. Sarà il più grande centro commerciale della cooperativa e l'ipercoop con la più ampia superficie di vendita.
E' una realizzazione importante, un grosso investimento in un'area a forte concorrenzialità, al centro di una zona fra le più densamente abitate della nostra regione. Sorge accanto alla strada di grande comunicazione Firenze-Pisa-Livorno, a un tiro di schioppo dalle due città marinare, proprio allo svincolo di Navacchio. Il centro commerciale sorge al primo piano e quest'accorgimento permetterà di avere mille posti macchina al coperto, sui duemilacinquecento totali.
Per quanto riguarda l'ipermercato non ci sono grosse novità rispetto agli ipercoop già operanti, però nell'ultimo nato sono state realizzate tutte quelle innovazioni positive sperimentate nelle precedenti realizzazioni. C'è il forno a legna (per pane e pizze) e la preparazione di gastronomia calda a vista, come a Lastra a Signa. Viene potenziato il reparto degli elettrodomestici "pesanti", come a Montecatini dopo la ristrutturazione di questa estate. Viene ribadita l'esposizione "a mondi", come ad Arezzo: cioè nel reparto dello sport c'è tutto il necessario per questo "mondo" (tute, scarpe, integratori alimentari, attrezzi, ecc.), e così per l'arredamento della casa, per il neonato, ecc. Novità assolute: la vendita di oro e argento accanto al reparto profumeria; un punto internet per navigare gratis, in un numero selezionato di siti, al reparto informatica.
Accennavamo che questo è il più grande centro commerciale realizzato dalla Unicoop Firenze e infatti sono ben 27 le attività commerciali presenti oltre all'Ipercoop, fra cui un grande centro di bricolage e uno di articoli sportivi. E poi bar, ristorante, lavanderia... fino ad arrivare a 27!
Con Cascina gli Ipercoop della cooperativa sono cinque: una bella rete che ha cambiato le abitudini di spesa, soprattutto per l'assortimento ed i servizi, di tanti toscani. E ora anche di pisani e livornesi.