Medici ai super per educare a un corretto stile di vita. Cibo sano e movimento

Scritto da Rossana De Caro |    Marzo 2015    |    Pag.

Laureata in Lettere all'Ateneo fiorentino, ha lavorato per molti anni come giornalista in emittenti televisive e radio locali, realizzando programmi di costume e società. Ha collaborato inoltre con La Nazione per la cronaca di Firenze e gli spettacoli. 

Dal 1998 scrive articoli per l'Informatore. Si occupa anche di uffici stampa per la promozione di eventi a Firenze e in Toscana.

Ha pubblicato il libro 'Ardengo Soffici critico d'arte'. 

Dal 2009 al 2015, sempre come collaborazione esterna, è stata coordinatrice redazionale dell'Informatore.

Dopo le incursioni culturali che a gennaio e febbraio hanno animato i punti vendita a suon di musica, canti e recitazione (con clienti e soci molto divertiti da questi exploit fra ortaggi e scatolette), marzo è il mese dedicato alla salute e alla sicurezza alimentare, due valori su cui punta da sempre la cooperativa, soprattutto in questi ultimi anni, attraverso controlli sempre più rigorosi su fornitori e prodotti, etichette trasparenti e ricche di informazioni nutrizionali e la realizzazione di due linee salutistiche a marchio Coop.

Medici “consiglieri”

Tanti gli appuntamenti previsti dunque in questo mese: ci saranno dei punti informativi allestiti per un giorno nei 24 punti vendita più grandi dove saranno presenti medici di famiglia della Simg (Società italiana medicina generale e delle cure primarie) che forniranno indicazioni per uno stile di vita più salutare ed una corretta alimentazione. Parole d’ordine: cibo sano e movimento.

«Questa campagna di sensibilizzazione nei punti vendita di Unicoop Firenze è un importante risultato - afferma Claudio Cricelli, presidente della Simg -. I medici Simg (oltre 8500 in tutta Italia) hanno sposato la cultura della buona pratica medica nei confronti del paziente; il che significa che il medico non si limita a scrivere ricette, ma fornisce orientamenti pratici su come vivere bene in salute attraverso regole di un corretto stile di vita: dall’alimentazione, seguendo le logiche della piramide alimentare ma senza demonizzare nessun alimento e con un consumo moderato di bevande alcoliche, all’attività fisica. È in questo modo che il paziente può collaborare a proteggere la sua salute e magari a ritardare l’assunzione dei farmaci».

Quali sono i problemi sanitari più diffusi oggigiorno?

«Le malattie più diffuse sono proprio quelle legate ad uno stile di vita sbagliato - afferma il dottor Giuseppe Ventriglia, responsabile clinico del progetto di Unicoop Firenze e Simg -. Prima erano quelle infettive e contagiose, oggi quelle cardiovascolari e i tumori. Una nuova “grande epidemia” è per esempio l’obesità che porta a malattie cardiovascolari e metaboliche: diabete, arteriosclerosi, pressione alta, infarto.

Queste malattie si possono ridurre con semplici regole; per questo è importante sensibilizzare le persone su “cosa mangio e come mi muovo”. Il concetto è che le persone possono far molto partecipando alla gestione della propria salute, al di là degli interventi sanitari, lavorando sull’alimentazione e il movimento. Il genoma che ereditiamo infatti non è immutabile ma cambia a seconda dell’ambiente e degli stimoli che gli si offrono».

Qualche raccomandazione per la prevenzione.

Incontri con la salute
«Certamente fare controlli periodici, screening ed esami (ad esempio per il tumore al collo dell’utero o alle mammelle), ma soprattutto fare delle scelte quotidiane che condizionano in modo decisivo la nostra salute e la probabilità di ammalarsi; per esempio smettere di fumare. Per quanto riguarda l’alimentazione, bisogna limitare i grassi, mangiare molta frutta e verdura, consumare pochi zuccheri semplici e privilegiare i cibi della nostra tradizione, come i legumi, l’olio vergine di oliva al posto dei grassi animali e poco sale.

Il movimento ci aiuta a bruciare calorie e mantiene in forma l’apparato muscolo scheletrico. Un’attività fisica regolare rende i muscoli più tonici, le ossa più solide e migliora l’equilibrio, riducendo le probabilità di caduta. Quindi se possibile è bene andare in palestra o in piscina o praticare un gioco; altrimenti recuperare le buone abitudini, ovvero camminare di più, fare le scale, andare a piedi a fare la spesa. L’attività fisica migliora anche il funzionamento cerebrale, si è più svegli, reattivi, si ricorda di più, e questo è molto importante con l’invecchiamento».

Prodotti più che sicuri

In primo piano anche la sicurezza alimentare, un punto di forza storico della Coop.

«Poniamo da sempre grande attenzione nella formulazione dei prodotti con il nostro marchio - afferma Claudio Mazzini di Coop Italia -. Abbiamo escluso i grassi idrogenati, ritenuti responsabili di un aumento di patologie cardiovascolari. Anche per i grassi tropicali (palma, cocco ecc.) abbiamo l’obiettivo di ridurne l’uso, sempre per contenere l’introduzione di grassi saturi nella dieta.

Si garantisce inoltre l’assenza di organismi geneticamente modificati (Ogm) e derivati, e l’esclusione di farine animali dall’alimentazione di bovini, maiali e polli a marchio. Le “filiere controllate Coop” consentono infatti di ricostruire la storia di ogni singolo prodotto, a partire dalla materia prima sino al prodotto finito». Il prodotto a marchio Coop vanta due linee, Vivi verde e Bene-sì, concepite con particolare attenzione per un’alimentazione sana e varia e una dieta equilibrata.

Altro aspetto importante è l’attività dell’Ufficio qualità di Unicoop Firenze che controlla i nuovi e vecchi fornitori e si occupa delle norme igienico-sanitarie nei punti vendita e nei magazzini, avvalendosi delle analisi e dei sopralluoghi affidati a laboratori e istituti esterni.


Informazioni e calendario appuntamenti: www.coopfirenze.it

I soci che dal 1° al 15 marzo raggiungeranno in una o più spese l’importo di 40€ in prodotti a marchio Coop (di tutti i settori e di tutte le linee) avranno diritto, dal 16 al 31 marzo, su una spesa a scelta uno sconto del 20% sull’acquisto delle linee Coop Vivi verde e Bene-si.

Promozione valida in tutti i punti vendita Unicoop Firenze.

Iniziative

Malattie rare e Centro donna

Alle attività dei medici di base nei superstore, si affiancheranno altre iniziative mediche importanti legate alle realtà sanitarie sul territorio.

A Siena, al negozio Grondaie, il 1° marzo si terrà una cena per raccogliere fondi per l’acquisto di un macchinario per la cura della sindrome di Rett da donare all’Ospedale Le Scotte. Il 21 marzo nello stesso punto vendita ci sarà un incontro con il neuropsichiatra Joussef Hayek, sulla sindrome di Rett una rara patologia neurologica dello sviluppo, che colpisce le bambine.

Le sezioni soci di Empoli, Castelfiorentino, Certaldo, Fucecchio e Valdarno inferiore, insieme alla Asl 11 di Empoli promuovono un’iniziativa di solidarietà. A marzo l'intero margine della vendita dei prodotti delle linee Vivi Verde e Bene.Si venduti nei punti vendita delle sezioni coinvolte, sarà devoluto al Centro Donna. Inoltre, i due centri commerciali di Empoli e Fucecchio saranno teatro, per alcuni giorni, di screening mammografici.

Expo 2015 – Educazione alimentare: stili di vita. Dal canale RaiCultura – aprile 2014