Inaugurato il 15 settembre un centro in Calabria, nel palazzo sequestrato alla ‘ndrangheta

Scritto da La Redazione |    Ottobre 2015    |    Pag.

Don Luigi Ciotti

Don Luigi Ciotti

Legalità

Finalmente è pronto ed è operativo il Centro polifunzionale padre Pino Puglisi, che si trova in piazza Giuseppe Valarioti, vittima di mafia a Polistena, sulle falde dell’Aspromonte. È nato fra le mura di un palazzo confiscato alla ’ndrangheta e riassegnato alla parrocchia di don Pino De Masi, ristrutturato grazie al contributo di Fondazione con il Sud, della Fondazione Il Cuore si scioglie ed Enel Cuore.

Lo stabile ospita il poliambulatorio di Emergency, terzo nodo del sistema “Programma Italia”, in cui si offrono cure e assistenza gratuite a indigenti e migranti, soprattutto braccianti agricoli della Piana di Gioia Tauro. Nel palazzo anche l’ostello Giovanni Laruffa che servirà ad accogliere i ragazzi che ogni estate vanno a Polistena per partecipare ai campi di lavoro in collaborazione con Libera, una cucina attrezzata e altri spazi per i giovani e le associazioni del territorio. Ci sarà anche unabottega alimentare con i prodotti delle terre confiscate alle mafie.

La data, 15 settembre, non è casuale ma è il giorno dell’uccisione di padre Pino Puglisi a Palermo 22 anni fa, per mano mafiosa.

L’inaugurazione ha visto la presenza di don Luigi Ciotti, presidente di Libera (Associazioni, nomi e numeri contro le mafie), Carlo Borgomeo presidente della Fondazione con il Sud, Pietro Parrino e Rosella Miccio dell’ufficio umanitario Emergency, la cantante Fiorella Mannoia. A capo di una folta delegazione dell’Unicoop Firenze, Daniela Mori, presidente del Consiglio di sorveglianza con numerosi membri del consiglio stesso; «il progetto nasce dal desiderio di unire i valori della solidarietà a quelli della legalità - ha detto la presidente Daniela Mori -, vogliamo rendere questo luogo un punto di riferimento per la vita cittadina, restituire alla città uno spazio pubblico di aggregazione e  socialità». La Fondazione Il Cuore si scioglie ha sostenuto il progetto di Polistena con un contributo di circa 200.000 euro in 4 anni.

Il racconto del progetto e della giornata di inaugurazione con foto, testimonianze e video

Info: 
www.fatecispazio.it