A Firenze la Mostra dell'Artigianato 76° edizione


"Nella città del bello gli angeli si riconoscono dalle mani" è lo slogan che accompagna la 76ª edizione della "Mostra internazionale dell'artigianato", che nel suo sottotitolo ricorda anche, con orgoglio, che questa manifestazione è fin dal 1931 il palcoscenico d'eccellenza del "sapere e fare".

Dal 21 al 29 aprile la Fortezza da Basso di Firenze tornerà dunque ad essere luogo nel quale gli antichi mestieri incontrano le ultime frontiere dell'innovazione. Completamente rinnovata la scenografia: più che una fiera - spiegano gli organizzatori - sarà un viaggio multisensoriale nel pianeta del fatto a mano, con itinerari inediti alla scoperta dell'eccellenza artigiana delle regioni italiane. La Toscana farà da padrone di casa al piano terra del padiglione Spadolini: in mostra opere selezionate in un percorso che privilegia le tradizioni produttive e le attrattive dei vari territori; mentre una cinquantina di Paesi esteri saranno i protagonisti degli oltre 11.000 metri quadrati del piano inferiore.

Paese ospite d'onore è la Thailandia
, una delle nazioni leader del sud-est asiatico per quanto riguarda le produzioni artigianali; fra queste spiccano la lavorazione della seta e la creazione di complementi d'arredo in materiali naturali ed ecologici, oltre alla realizzazione di sculture in legno, ceramiche e terrecotte di forme e colori vastissimi e particolari.
Nel piazzale centrale ecco la Piazza Artigiana e le sue Botteghe d'Art: obiettivo della Fondazione di Firenze per l'Artigianato Artistico è riportare l'attenzione sul mercatale, storico luogo di attività artigianali e baricentro delle relazioni sociali ed economiche di ogni città. Sulla Piazza Artigiana si affacceranno dunque le botteghe con il loro carico umano di creatività, fantasia, saper fare, sempre aperte alla curiosità dei visitatori. La piazza come luogo d'incontro ma anche di sperimentazione: i visitatori potranno infatti esercitare la creatività nei laboratori sotto la guida dei maestri di bottega. «Perché per capire come si fa, bisogna provare a farlo», spiega la direttrice della Fondazione Enrica Paoletti.

L'artigianato è anche in cucina grazie alla partecipazione di Cittaslow, impegnata ad allestire un intero padiglione e gli ambienti annessi (Ronda, Polveriera e piazzetta attigua) con prodotti artigianali di qualità. «Porteremo in Fortezza l'eccellenza dei nostri artigiani - dice Pier Giorgio Oliveti, direttore di Cittaslow International, associazione nata nel 1999 da una costola di Slow Food - puntando anche a partecipazioni dall'estero».
Tra le molte iniziative, appuntamento con le opere della Ballon Art e lo spettacolo Baci 2012 che avrà come tema le arti e i mestieri (dal 20 al 24 aprile); e con una serie di eventi speciali che coinvolgeranno giovani talenti ‘non omologati'.

La Mostra è aperta tutti i giorni dalle 10 alle 23 (ultimo giorno chiusura alle 20). Per i soci ingresso a 2,50 € (invece di 5 €) per acquisti al Boxoffice Coop. Alla biglietteria, per i soci 4 €. Info: Firenze Fiera tel. 05549721, sul web www.mostrartigianato.it
E quest'anno la Mostra si fa social: su Facebook (www.facebook.com/mostrartigianato) e su Twitter (https://twitter.com/#!/Mostrart) notizie, curiosità, aggiornamenti, fotogallery.