Il paese del Sol Levante, la sua arte raffinata in mostra ed altri eventi segnalati per voi

Scritto da Rossana De Caro |    Aprile 2012    |    Pag.

Laureata in Lettere all'Ateneo fiorentino, ha lavorato per molti anni come giornalista in emittenti televisive e radio locali, realizzando programmi di costume e società. Ha collaborato inoltre con La Nazione per la cronaca di Firenze e gli spettacoli. 

Dal 1998 scrive articoli per l'Informatore. Si occupa anche di uffici stampa per la promozione di eventi a Firenze e in Toscana.

Ha pubblicato il libro 'Ardengo Soffici critico d'arte'. 

Dal 2009 al 2015, sempre come collaborazione esterna, è stata coordinatrice redazionale dell'Informatore.

(Katsushika Hokusai, Cinque bellezze, secolo XIX, Hosomi Museum, Kyoto)

VISIONI D'ORIENTE

Firenze
Giappone incantato
Il paese del sol levante e la sua arte raffinata in mostra
Palazzo Pitti dal 3 aprile al 1° luglio 2012 celebrerà il Giappone, la sua arte, la sua cultura e le sue tradizioni ospitando nelle sale più rappresentative dei suoi musei l'esposizione "Giappone. Terra di incanti".
L'evento - frutto di uno scambio culturale tra l'Italia e il Giappone - sarà articolato in tre distinte mostre ospitate nei diversi musei del Palazzo.
Il Museo degli Argenti ospiterà la mostra "Di linea e di colore. Il Giappone, le sue arti e l'incontro con l'Occidente", dedicata all'arte antica del Giappone: trecento anni di arte giapponese attraverso opere di pittura, calligrafia, scultura, lacche, ceramiche, metalli, tessuti in un raffinato caleidoscopio di "linee e di colori" appunto. Le opere provengono da prestigiosi musei giapponesi, europei e italiani.
Fra i prestiti più importanti dal Giappone, ci sono splendidi paraventi e rotoli dello Hosomi Museum di Kyoto, la famosa tazza per il tè "Murakumo" di Hon'ami Ketsu del Raku Museum di Kyoto e la serie di dodici piatti di Ogata Kenzan del MOA di Shizuoka.
La Galleria Palatina ospiterà nella Sala Bianca l'eccellenza dell'arte giapponese di epoca moderna e contemporanea nella mostra "L'eleganza della memoria. Le Arti decorative nel moderno Giappone", curata dal National Museum of Modern Art di Tokyo. Saranno esposte opere degli artisti più rappresentativi delle arti decorative giapponesi dal XIX secolo ai giorni nostri, tutte proprietà di tre importanti istituzioni museali nazionali nipponiche quali The Agency for Cultural Affairs, The National Museum of Modern Art di Tokyo, The National Museum of Modern Art di Kyoto.
Attraverso questa esposizione sarà possibile comprendere come l'eredità della tradizione artistica giapponese si sia evoluta fino ad oggi dando vita a una nuova forma di espressione estetica.


La Galleria d'arte moderna
, nella Sala del Fiorino, accoglierà la sezione della mostra dedicata al Japonisme dal titolo "Giapponismo.Suggestioni d'Oriente tra Macchiaioli e anni Trenta del Novecento". Un nucleo di opere realizzate fra gli anni Settanta dell'Ottocento e i Quaranta del Novecento da protagonisti dell'arte italiana, come Giovanni Fattori, Telemaco Signorini, Giuseppe De Nittis e Mariano Fortuny, nelle quali si avverte netta l'influenza dell'arte giapponese. Così come accadde nel resto d'Europa e negli Stati Uniti, anche in Italia la moda per il Giappone, la sua cultura, i suoi costumi e le sue arti si diffuse capillarmente. Fiorirono collezioni di arte giapponese, si promossero studi su quella cultura e, inoltre, molti italiani si recarono e fecero fortuna in quel paese. Anche gli artisti italiani, come quelli del resto d'Europa, subirono il fascino dell'arte giapponese, fino ad allora completamente sconosciuta. Ne ammirarono l'uso calligrafico della linea, l'ardito accostamento di colori vivaci, il taglio dinamico delle scene, le novità nella scelta dei temi, soprattutto quelli ispirati dal mondo della natura.
Dida foto: Piante fiorite delle quattro stagioni, particolare del paravento di sinistra a sei ante, sigillo Inen, colore e foglia d'oro su carta,
primo periodo Edo (secolo XVII), h. cm 155,5 x lungh. cm 347,2 ognuno,
Hosomi Museum, Kyoto


Firenze
Samurai allo Stibbert
Giappone "terra di contraddizioni" dove convivono i jeans e il kimono, la tv miniaturizzata e il teatro Kabuki. Una delle culture del Giappone che ha alimentato e affascinato la fantasia dell'occidente è sicuramente quella dei Samurai, la classe di guerrieri del periodo feudale al servizio della aristocrazia, fin dal IX sec.
Erano famosi per le loro virtù di lealtà, onore, coraggio e sobrietà. Il museo Stibbert conserva nella sua sede, una fantasiosa villa in stile ottocentesco, una delle più importanti collezioni al mondo, dopo il Giappone, di armi e armature Olti Samurai dal XVI sec. al XX sec. Novantacinque armature, ottocentocinquanta "guardie" di spada (Tsuba), trecentocinquanta spade e armi in asta, duecento elmi, insomma una bellissima collezione su questa grande classe di guerrieri (Nella foto a lato, di S. Giraldi, Manichino di arciere "Ikiningyo" 1871)

Info: 055475520; www.museostibbert.it
Orario: lun-mar-mer 10-14; ven-sab-dom 10-18; giovedì chiuso
Visite con partenza ogni ora - Sezione giapponese visitabile su prenotazione.
Biglietto: € 6; € 4 ridotto

(Ritratto di giovane samurai, Anonimo 1860-65)

Lucca
La via della seta
La mostra lucchese "La Via della Seta. Lucca-Hangzhou un lungo viaggio nella storia", in corso nelle sale di Palazzo Guinigi, è stata prorogata fino al 30 aprile 2012. L'esposizione non proporrà più i pezzi del museo cinese, tornati a casa nella data prevista, ma avrà dei nuovi capi d'abbigliamento provenienti dall'Asia Centrale, prestati per l'occasione dalla Fondazione Ratti di Como, mentre i pezzi cinesi già presenti in mostra, appartenenti della collezione Negri Cambiagio di Vicenza, sono stati ricollocati in modo da essere maggiormente visibili e valorizzati.
Tra i pezzi più significativi in esposizione, citiamo due sontuosi abiti da cerimonia e due eleganti abiti festivi da alti dignitari della corte di Pechino, ricamati con la tipica immagine del drago, quattro insegne di rango di mandarini con immagini di uccelli, a indicare dei funzionari civili, e un magnifico pannello in raso ricamato prodotto ad Hangzhou, tutti di epoca Qing. Per quanto riguarda l'Asia centrale, spiccano 12 vestiti da cerimonia in tessuto ikat prodotti in Uzbekistan e Turkmenistan nel XIX secolo, caratterizzati da colori e disegni straordinari.
MUST Museo della Città di Lucca
Palazzo Guinigi, via Guinigi, Lucca
Sino al 30 aprile 2012 - Ingresso libero
Orario: dalle 10 alle 18, chiuso il lunedì
Informazioni: 058356326


Prato
Immagini dalla Cina
Dal 22 aprile al 29 luglio 2012, al museo per l'arte contemporanea Pecci di Prato, si tiene la mostra "IMAGE IN CHINA,1988-2011, Vent'anni di video arte cinese".
La più completa retrospettiva dedicata alla video arte cinese con video di vario formato e durata realizzati da oltre cinquanta artisti.
È un evento espositivo in collaborazione con Minsheng Art Museum di Shanghai.
L'arte contemporanea in Cina ha vissuto uno sviluppo importante negli ultimi 30 anni. La mostra ricostruisce le radici di questa storia complessa attraverso un percorso intorno alla video arte che per la prima volta viene presentata in maniera esaustiva ad un pubblico europeo. L'esposizione riesamina il lavoro dei singoli artisti e riorganizza la storia degli eventi espositivi in Cina.
Orari: (fino al 28 maggio) - 10/19 feriali e festivi; (dal 30 maggio al 29 luglio) - ore 16-23; chiusa il martedì
Ingresso: 4 euro
Info: 05745317; www.centropecci.it

(Cao Fei, Cosplayare, 2004)


Pescia
Sarà banda
L'Associazione Culturale Lucignolo, organizza mercoledì 25 aprile, alle ore 16, una kermesse musicale gratuita, "Sarà Banda".
La manifestazione, giunta alla sua VI edizione, prevede tre street band che si esibiscono, insieme a giocolieri, nelle vie e nelle piazze del centro di Pescia suonando strumenti a fiato e percussioni. La loro musica si rifà ai repertori delle bande di strada latino-americane, del mondo slavo, delle marching bands di New Orleans e alla tradizione popolare italiana.
Info: www.associazionelucignolo.it; 3397787677; 3339681960


San Francesco Pelago (Fi)
A ritmo di danza
Il 21 e 22 aprile, alle ore 21, a San Francesco Pelago, presso il Palazzetto dello Sport (via Boccaccio n. 13), si terrà la manifestazione "Valdisieve danza 2012", III edizione. Due serate a ritmo di danza in cui si esibiranno scuole di ballo della Valdisieve, del Valdarno, del Mugello e anche della Lombardia in coreografie di danza classica, modern jazz, contemporanea e hip hop.
Un'occasione per esibirsi per ragazzi e ragazze di qualsiasi età che frequentano le scuole di danza del nostro territorio e non solo.
Info: 3384959805

Lastra a Signa
Orti e Horti
Il 13-14-15 aprile il Parco Vivai Belfiore (via di Valle, loc. S. Ilario), a Lastra
a Signa (FI), ospiterà "Orti e horti" - fiera primaverile per l'orto amatoriale, IV edizione. In mostra ed in vendita collezioni di piante da orto antiche e rare, sementi di ortaggi locali e dimenticati, collezioni di piante officinali, aromatiche e varietà selvatiche commestibili, grani antichi, legumi provenienti da molti paesi europei, senza dimenticare i frutti antichi. Saranno approfondite filosofie e tecniche di coltivazione, orto biodinamico, biologico e naturale e l'aspetto sociale della coltivazione dell'orto nelle scuole, per disabili e anziani, per il recupero di terreni abbandonati. Inoltre si terranno laboratori, incontri e conferenze con esperti del settore.
Ingresso € 4 dalle 10 alle 18 di tutti i giorni.
Info: 0558724166; 3283847235; 3475900869

Arezzo
I giorni della tartaruga
Nei giorni 5 e 6 maggio, nell'ambito di "Arezzo Fiere e Congressi", l'Associazione Tarta Etruria organizza il "Chelonian expo", una mostra mercato riservata alle tartarughe. Allevatori professionisti da tutta Italia e dall'Europa esporranno i loro migliori esemplari: dal più raro, al particolare, al colorato, enorme o piccolissimo, terrestre o acquatico. Sono circa trecentocinquanta, infatti, le specie di tartarughe, col guscio e senza, che popolano il pianeta.
Sarà presente anche il Corpo forestale dello Stato, che in qualità di organo Cites, garantirà che tutti gli animali inseriti nelle liste di protezione siano esposti regolarmente.
Orario: 9.30-18.30
Biglietti: 8 euro; ridotto 5.

Premio Letterario
Firenze per le Culture di Pace
L'associazione Un Tempio per la Pace, insieme al Comune di Firenze, Provincia di Firenze e Regione Toscana presentano la sesta edizione del "Premio Letterario Firenze per le Culture di Pace, dedicato a Tiziano Terzani". Il premio è dedicato a Tiziano Terzani, grande testimone dell'incontro fra culture diverse, voce del nostro tempo sul cammino di pace.
Si possono scrivere racconti, memorie, diari, lettere, testimonianze e saggi. La scadenza del concorso è il 15 giugno 2012.
Info: segreteria Un Tempio per la Pace, presso Liceo Artistico L.B. Alberti, via Magliabechi 9 - 50122 Firenze, 0552476004, fax 0552268690 (dalle ore 9.30 alle 13); segreteria@untempioperlapace.it; il bando si può scaricare da www.untempioperlapace.it

Prato
Lirica
Sabato 14 aprile c.a. alle ore 16.30, nel salone da concerto della scuola di Musica Giuseppe Verdi di Prato, via Santa Trinita 2, si terrà il concerto per pianoforte e voce recitante DANTEUM, lavoro del compositore Andrea Nesti, organizzato dall'Associazione Amici della Musica Pratolirica.
Ingresso: 5 euro