Grandi spettacoli per l’antica rassegna d’arte. Regina la musica

Scritto da Edi Ferrari |    Giugno 2016    |    Pag. 36

Giornalista. Dal 1988 nel magico mondo della comunicazione (uffici stampa, pubbliche relazioni, editoria, eccetera), e con una quasi (senza rimpianti) laurea in Lettere, collabora con Unicoop Firenze anche per l'aggiornamento dei contenuti del sito internet, per le pagine del tempo libero. Ha lavorato anche nella redazione di Aida (attuale Sicrea), dove si è occupata principalmente della realizzazione di trasmissioni televisive, fra le quali anche InformaCoop. Per l'Informatore si occupa delle pagine degli "Eventi".

Foto M. Rossi

Festival

Dalla produzione culturale del territorio alle realtà artistiche internazionali – in scena nei luoghi già noti al pubblico: Teatro Romano, Terme Romane, la Terrazza; e ora anche in altri da esplorare, come la Cattedrale di San Romolo, il Convento di San Francesco, le colline fiesolane – fino alla realizzazione di un percorso progettuale che mette insieme pubblico e privato, operatori culturali e singoli artisti: sono “varietà”, “luoghi” e “condivisione” le parole chiave dell’Estate fiesolana numero 69, che si svolge fra giugno e luglio a Fiesole (Fi).

A dare il via al festival è il “Premio Fiesole ai Maestri del Cinema”: in occasione del 50° anniversario del premio - inaugurato a Fiesole nel 1966 alla presenza di Luchino Visconti – viene reso omaggio a Stefania Sandrelli, attrice che ha attraversato con passo leggero 55 anni di cinema italiano ed europeo, lasciando un’impronta indimenticabile (il 16 giugno dalle 18.30, l’ingresso è libero).

È la programmazione musicale a dominare il cartellone del festival: c’è l’incontro fra jazz ed elettronica grazie ad Enrico Rava, la leggenda della tromba del jazz italiano, a Giovanni Guidi, considerato uno dei più grandi talenti emergenti al pianoforte, e a Matthew Herbert che campiona in presa diretta ciò che Rava e Guidi eseguono (30/6); l’acclamato trio rock Blonde Redhead presenta un progetto speciale in cui ripropone il suo album più famoso, Misery is a butterfly, accompagnato per l’occasione da una sezione di archi (17/7); Niccolò Fabi presenta il suo ultimo lavoro (21/7); sette straordinari musicisti – fra cui Cristina Donà, Rita Marcotulli e Fabrizio Bosso – in un concerto dedicato alla poetica di Fabrizio De André (22/7); l’eclettico collettivo di Brooklyn Snarky Puppy, uno dei fenomeni musicali del momento (25/7); la musica antica eseguita dall’ensemble L’Homme Armé e quella corale con il Coro Desiderio da Settignano; infine “Costellazione Toscana”, progetto di indagine e proposta sui linguaggi della scena musicale del territorio, porta per la prima volta sul palco del festival gruppi toscani emergenti.

Da segnare in agenda anche due progetti speciali: il “Trekking musicale” attraverso i sentieri di Monte Ceceri (18/6) e il “Percorso silenzio” nel Convento di San Francesco, al confine tra esperienza sensoriale e riflessione estetica, un viaggio in assoluto silenzio dentro i momenti e i luoghi della vita monastica (26/6 e 10/7).

Nella sezione teatro, Nunzio di Spiro Scimone, per la regia di Carlo Cecchi, che ha ispirato il film Due amici, vincitore del Leone d’Oro come migliore Opera prima alla 59ª “Mostra internazionale di Venezia” (11/7); Alessandro Baricco e Valeria Solarino in un’affabulazione intorno a Palamede, uno dei più noti eroi greci, condannato a morte (ingiustamente) perché denunciato da Odisseo di aver venduto i piani di guerra achei ai troiani (12/7); Volevo essere Amy Winehouse, monologo che racconta, attraverso la storia personale di una fan, la vita dell’ultima icona del rock (13/7); i Primi passi sulla luna di e con Andrea Cosentino che, prendendo spunto dal quarantennale del primo allunaggio, presenta una schiera di improbabili personaggi che discettano su torri gemelle, monoliti, alieni, spiritualità, scimmie, tapiri e licantropi (19/7).

Infine per la danza ci sono l’omaggio a Shakespeare a 400 anni dalla morte con il Romeo e Giulietta del Balletto di Toscana junior, premio “Danza&danza” come miglior produzione 2015 (4/7), e l’Otello dell’Opus Ballet con una scelta musicale che accosta la contemporaneità, esaltata dalle sonorità elettroniche, e la musica di Verdi che all’improvviso irrompe sulla scena (5/7). In programma anche un gala con i migliori ballerini italiani di importanti compagnie italiane ed europee (8/7), e un evento speciale con la compagnia di danza contemporanea giapponese Sankai Juku che presenta il meglio del butoh o “danza delle tenebre”, nata sulle rovine morali di Hiroshima e Nagasaki, come segno di ostilità all’occupazione americana (9/7).

Ingresso in convenzione per i soci con una riduzione del 50% per gli spettacoli di danza del 4, 5 e 8 luglio.

tel. 0555961293, www.estatefiesolana.it

Firenze / Ritratti in due

I fratelli Xavier (1915-1979) e Antonio Bueno (1918-1984) giunsero in Italia nei difficili anni della guerra, dopo un’infanzia trascorsa fra Berlino, Ginevra e Parigi, al seguito del padre giornalista, e arrivarono a Firenze nel 1940, motivati dallo studio della straordinaria eredità artistica rinascimentale della città. Ma quello che avrebbe dovuto essere un soggiorno breve e temporaneo si trasformò, per entrambi, in un’esperienza di vita definitiva e totalizzante, perché nel capoluogo toscano trascorsero il resto della vita.

A loro Villa Bardini dedica “Doppio ritratto - Antonio e Xavier Bueno. Contrappunti alla realtà fra avanguardia e figurazione”, una mostra che ripercorre, in parallelo, l’intera parabola artistica dei due fratelli.

Curata da Stefano Sbarbaro, e promossa dalla fondazione Parchi monumentali Bardini e Peyron e dall’Ente Cassa di risparmio di Firenze in collaborazione con l’Associazione culturale Bueno, la rassegna raccoglie 120 opere tra le più significative della produzione dei due pittori di origine spagnola. Il nucleo più consistente è rappresentato da quelle concesse dagli eredi, cui si sommano i prestiti provenienti da importanti realtà museali, da prestigiose fondazioni e da collezionisti privati con diversi inediti.

Sullo sfondo dei profondi cambiamenti culturali nei vivaci anni del dopoguerra, l’indagine approfondisce, per la prima volta, la simbiosi esistenziale tra i due fratelli, mettendone in luce, da una parte, i punti di incontro nel delicato meccanismo dei reciproci condizionamenti e scambi di influenze, specie negli anni della formazione; e, dall’altra, le fasi del distacco e dell’affrancamento individuale che portarono alle rispettive maturità stilistiche.

Il catalogo della mostra - Edizioni Polistampa - contiene contributi di Susanna Ragionieri, Giorgio Bedoni e l’introduzione di Philippe Daverio, presidente onorario dell’Associazione culturale Bueno, che ha sede a Firenze.

A Villa Bardini (Costa San Giorgio 2, Firenze) fino al 25 settembre. Aperta da martedì a domenica dalle 10 alle 19; chiusa i lunedì feriali. Ingresso 8 euro, per i soci 6 euro. Il biglietto intero d’ingresso alla mostra consente la visita al Giardino Bardini.

tel. 05520066206, www.bardinipeyron.it

Vinci / Baroque Festival

Quattro concerti, tutti a giugno e a ingresso gratuito, per dare a chiunque l’opportunità di avvicinarsi alla musica barocca. Dopo il successo di partecipazione della passata edizione, quella del debutto, torna il “Da Vinci baroque festival”. Novità di quest’anno è che il festival si fa itinerante: debutto il 1° giugno a Empoli alla Chiesa di Santo Stefano degli Agostiniani con La prima Passione di J.S. Bach; l’11 si va a Vinci per Le Reali Celebrazioni di G.F. Haendel; il terzo concento (il 18), L’Opera romana di Haendel, si tiene a Cerreto Guidi all’interno della tenuta di Colle Alberti; ultimo appuntamento il 25 con il Magnificat di Bach alla Cattedrale di San Zeno di Pistoia.

I musicisti si esibiranno utilizzando anche strumenti antichi, e in alcuni casi saranno accompagnati da un corpo di ballo (18 giugno) e da un ensemble corale (25 giugno). La direzione d’orchestra è affidata al giovanissimo maestro, nonché direttore artistico del festival, Samuele Lastrucci, appena ventiduenne. Ai giovani, anche quest’anno, viene data una grande opportunità: i migliori quattro allievi della masterclass che si è svolta a fine aprile a Vinci si esibiranno come cantanti solisti su uno dei quattro palchi.

L’ingresso è libero. Per i soci ci sono 5 posti riservati per ognuno dei quattro concerti, che verranno assegnati ai primi 5 soci che si prenoteranno inviando una mail all’indirizzo davinci.baroquefestival@gmail.com.

tel. 335292438, www.davincibaroquefest.wix.com/davincibaroque

Incredible Florence

Un inedito viaggio nel tempo attraverso gli oltre 2000 anni della storia di Firenze; una produzione multimediale immersiva di 35 minuti, ricca di effetti speciali, ricostruzioni 3D, multiproiezioni d’immagini, parti originali filmate, musica ed effetti sonori. Ideata e prodotta dal Gruppo Crossmedia, scritta da Marco Vichi con la direzione artistica di Sergio Risaliti e realizzata da Artmedia Studio in video mapping, Incredible Florence sarà fino al 31 ottobre nello spazio espositivo ricavato nella chiesa sconsacrata di Santo Stefano al Ponte, adiacente a Ponte Vecchio. Un’esperienza che è un’opportunità unica per vivere, capire e condividere, come mai prima, l’incredibile storia di personaggi, luoghi, avvenimenti e opere che hanno reso Firenze patrimonio dell’intera umanità.

Dal 16 giugno. Aperta tutti i giorni dalle 10 alle 19. Ingresso: adulti 12 euro, studenti e over 65 10 euro; per i soci ingresso, rispettivamente, a 9,50 e 8 euro.

Info: tel. 0550684115

Pinocchio a Colle

Seconda edizione per “Pinocchio a Colle” l’11-12 e il 18-19 giugno a Colle di Val d’Elsa (Si). L’iniziativa, che vuol essere un omaggio a Carlo Lorenzini, che proprio a Colle si è formato culturalmente, trasformerà Colle Alta in un borgo del primo Ottocento, con le scene e i personaggi del libro. Una manifestazione per tutta la famiglia: i piccoli potranno vedere in carne e ossa i personaggi del libro, compreso il grandissimo Pescecane, potranno giocare con i vecchi giochi del tempo e usare la giostra dei cavalli; mentre i grandi potranno godere delle bellezze degli allestimenti e assistere agli spettacoli circensi di respiro internazionale.

Questa edizione vede anche la collaborazione con Cinecittà Studios che, oltre a organizzare un laboratorio per famiglie dedicato alla storia del costume (con i bozzetti del premio Oscar Danilo Donati), ha concesso in via del tutto esclusiva costumi e alcune scene originali usate nel film Pinocchio di Roberto Benigni.

Ingresso 6 euro, per i soci 5 euro.

tel. 0577920722

Siena in scena

Dal musical alla lirica, dalla prosa alle più belle colonne sonore della filmografia, alla musica classica, allo swing, al jazz, gospel, pop, rock: è un fitto cartellone quello che, fino al 31 dicembre, porta in luoghi di grande fascino e scrigni di bellezza urbanistica - come il Campo e le piazze del centro storico, il Tartarugone di piazza del Mercato, le fonti storiche - molti artisti. “Siena in Scena”, manifestazione ideata da Fabbrica d’Opera, presenta diverse espressioni artistiche legate da un unico filo conduttore: la città che, in ogni occasione, fa da scenografia con il suo palcoscenico naturale.

Fra gli eventi di giugno e luglio, il concerto lirico dedicato a Le eroine e gli eroi di Verdi (Fontebranda 2/6), Tosca di Puccini (piazza Jacopo della Quercia 24/6), una serata dedicata a una delle più grandi interpreti del ‘900, Edith Piaf (piazza Provenzano 9/7); e ancora il concerto di Danilo Rea (piazza Provenzano 18/6), Libiamo, con le arie del melodramma italiano ispirate ai brindisi, da Mascagni a Verdi, e una degustazione di vini (Tartarugone 20/6); Andando in onda, concerto in cui è protagonista la canzone italiana dalla nascita della radio all’avvento della Tv (piazza del Campo 21/6).

Evento clou di giugno è Sindrome da musical, show con Manuel Frattini (grande performer e protagonista di acclamati spettacoli come Pinocchio, Sette spose per sette fratelli, Aladin e Peter Pan) che, in modo ironico, ripercorre il suo cammino artistico attraverso i più famosi brani del musical italiano e internazionale (piazza Jacopo della Quercia 25/6).

Alcuni eventi sono a ingresso gratuito. Per quelli a pagamento, ingresso per i soci con la riduzione del 10%.

www.fabbricaopera.com