Scritto da Francesco Giannoni |    Aprile 2010    |    Pag.

Fiorentino da una vita, anche se con sangue maremmano e lombardo, laureato in lettere, è sposato con due figli. Si occupa di editoria dal 1991, prima come dipendente di una nota casa editrice della sua città, ora come fotografo e articolista free-lance. Collabora a riviste quali Informatore, Toscana Oggi, Calabria7, e a importanti case editrici.

I più golosi dei soci e dei clienti della cooperativa avranno "dolci" sorprese: nei mini e super mercati, con il marchio "Banco del gusto", ecco i classici cantuccini alle mandorle e quelli al vero cioccolato fondente, in cui la farina è mescolata al cacao, con gocce di cioccolato al posto delle mandorle. Entrambi sono prodotti dal Panificio Toscano di Collesalvetti, con ingredienti selezionati, in confezioni da 350 grammi. I primi, in origine erano un dolce povero. Infatti, si chiamano cantuccini perché erano le parti terminali (i cantucci appunto) del filoncino cotto, che costavano poco ed erano adatti alle tasche dei meno abbienti.

Fra le novità anche la pastiera e le sfogliatelle, due specialità campane. La prima, in una confezione da 700 grammi, arriva fresca nei negozi Unicoop direttamente da Zazà, una pasticceria artigianale di Piano di Sorrento. È il dolce pasquale classico per i partenopei. In realtà non è solo un dolce, ma un rito vero e proprio, con tempi e consuetudini definiti: la tradizione vuole che sia preparato il giovedì santo; un tempo la cottura avveniva nel forno rionale, meta di "processioni" di massaie che portavano a cuocere il proprio dolce, riempiendo di profumo di miele, vaniglia e fiori d'arancio strade e vicoli della città. La pastiera era (ma è tuttora) un regalo che ci si scambiava in questo periodo all'ombra del Vesuvio, e ogni famiglia ne preparava più d'una.

Veniamo alla sfogliatella un dolce anche questo ricco di tradizione e assai gustoso, nato sulla costiera amalfitana intorno al 1600. I campani la amano mangiare calda per sentire al meglio il gusto intenso del ripieno con ricotta fresca, e la croccante sfoglia. La sfogliatella può essere riccia, se preparata con la pasta sfoglia, oppure frolla se preparata con la frolla.


Autori delle foto, a partire dall'alto:

  1. Andrea Fantauzzo
  2. Daniela Tartaglia

Notizie correlate

All'origine del vinsanto

Il segreto sta nell'appassimento. Un metodo che richiede tempo e pazienza