Siena si fa grande: la Pinacoteca entra nel Polo museale della Toscana. Fra le novità, l’apertura della villa di Cesare Brandi

Scritto da Andrea Schillaci |    Giugno 2016    |    Pag. 10

Giornalista professionista, laureato in Scienze Politiche, è stato redattore de La Città e della Gazzetta di Siena, ha lavorato per l’Ansa, la Voce, il Classico, Toscana Qui. Negli ultimi quindici anni, ha collaborato con varie riviste dell’Editoriale Olimpia ed è stato vice caposervizio di Mondo Sommerso.

Interno della Pinacoteca di Siena

Musei da scoprire

Scrivendo della Pinacoteca nazionale di Siena, bisogna citare lo storico dell’arte Cesare Brandi. A lui, infatti, si deve il primo catalogo scientifico del museo redatto nel 1933 con grande accuratezza filologica e bibliografica.

Brandi era un giovanissimo ispettore della Soprintendenza alle belle arti di Siena e di lì a qualche anno sarebbe diventato uno dei più profondi conoscitori e teorici della storia dell’arte italiana.

Ma c’è un altro motivo per parlare di questo illustre senese, e si tratta di una importante novità. La Pinacoteca, infatti, è entrata a far parte del Polo museale della Toscana, acquisendo varie proprietà, tutte visitabili entro breve.

Fra queste, la villa di Cesare Brandi a Vignano, una costruzione peruzziana tardorinascimentale, acquistata dalla sua famiglia nel ‘700 e rimasta pressoché intatta fino a oggi, ma con in più una raccolta di artisti del ‘900, quali De Pisis, Guttuso, Manzù, collezionati da Brandi in tanti anni.

Giovanni di Paolo, Fuga in Egitto

Arriviamo ora alla Pinacoteca, la cui storia inizia nel Settecento, nel clima illuministico caratterizzato dalla ricerca e dal recupero dei dipinti degli artisti che nel medioevo avevano abbellito cattedrali, pievi e monasteri gotici.

Pitture che conquistavano nuove attrattive agli occhi degli intellettuali dell’epoca; fra questi l’abate Giuseppe Ciaccheri, bibliotecario dell’Università e appassionato raccoglitore di oggetti del passato, in particolare dei dipinti su tavola del Trecento, che riunì il cuore originario delle opere del museo, oltre un centinaio.

A essi si aggiunsero, nel corso dell’Ottocento, altri nuclei importanti, a seguito delle soppressioni delle confraternite laicali (1785), quelle napoleoniche dei conventi (1810) e dell’acquisizione dei dipinti dello Spedale di Santa Maria della Scala.

Ospitata nel quattrocentesco palazzo di via San Pietro, donato dal proprietario Niccolò Bonsignori, la collezione si snoda su tre piani, comprendendo, al secondo, i capolavori di Duccio, Simone Martini, i fratelli Pietro e Ambrogio Lorenzetti e dei tardo-trecentisti che operarono per la ripresa dell’arte a Siena dopo la terribile peste nera del 1348: Luca di Tommè, Bartolo di Fredi, Andrea e Taddeo di Bartolo, Angelo Puccinelli; le opere del Quattrocento con Giovanni di Paolo e Sano di Pietro; e poi le tavole dipinte dal Sassetta, Domenico di Bartolo, Matteo di Giovanni, Vecchietta, Francesco di Giorgio, Neroccio di Bartolomeo Landi.

Al primo piano Domenico Beccafumi insieme ai suoi seguaci: da Sodoma a Marco Pino, al Brescianino; e un’intera sala dedicata ai pittori che, dallo scadere del Cinquecento, operarono prima in senso tardomanierista, come Alessandro Casolani, Francesco Vanni, Ventura Salimbeni, e poi in senso naturalista, impressionati dalla novità di Caravaggio: Rutilio Manetti e Bernardino Mei.

Lorenzo Lotto, Natività

Al terzo piano sono raccolti dipinti della collezione Spannocchi Piccolomini che la famiglia donò alla città nel 1835, ricca di testimonianze dell’arte nordica, fiamminga, tedesca, veneta e lombarda, in gran parte provenienti dalle raccolte dei Gonzaga a Mantova, in cui spiccano le presenze di Albrecht Dürer (Autoritratto), di Lorenzo Lotto (Natività) e di Sofonisba Anguissola (Bernardino Campi ritrae Sofonisba Anguissola).

Importante anche il ripristino nel percorso museale di uno degli ambienti più suggestivi del palazzo, la cosiddetta loggia, segnata dalla presenza di grandi finestre affacciate sul panorama dei tetti di Siena e della campagna appena fuori le mura cittadine.

Il risultato è una vasta sala, non solo espositiva ma anche di riposo, dove i visitatori possono sostare, per ammirare la produzione lapidea del museo e la complessa visione delle torri, dei campanili, delle colline senesi.

Gli altri siti visitabili del Polo saranno l’Eremo di San Leonardo al Lago, a Monteriggioni, Palazzo Piccolomini alla Postierla, la Chiesa della Madonna delle Nevi, la Chiesa del Santuccio, la Cappella Barabesi in Palazzo del Saja.

Pinacoteca di Siena

Via San Pietro, 29

Orari: lun. 8.30-13.30; dal mar. al sab. 9-19; dom. 8-13/14-20; chiuso il lun. pom.

Ingresso: 4 euro

Tel.: 0577281161 o 0577286143

Email: pm-tos.pinacoteca-si@beniculturali.it

Sito web: http://pinacotecanazionale.siena.it

Immagini su gentile concessione del Polo Museale della Toscana – Pinacoteca Nazionale di Siena

Video


Notizie correlate

La Madonna dei Cacciatori

Una scultura lignea venerata dai Medici, al Museo San Matteo a Pisa. Visite guidate alla scoperta di capolavori e restauri

Video

Arte al Palazzo di Giano

Il Museo Civico di Pistoia ospita la collezione dei Puccini, mecenati libertari e antigranducali

Video

Un Cassero per due

Emozioni al quadrato nel Museo di scultura italiana, a metà fra passato e moderno


Il meglio di Duomo e Battistero

Apre il nuovo Museo dell’Opera del Duomo a Firenze. Allestimenti spettacolari e spazi grandiosi per Donatello & c.

Photogallery Video

Grammofono e dintorni

Tutta la tecnologia che abbiamo dimenticato, raccolta in un museo

Video

Arsenali medicei a pisa

La Pompei marinara

Le dieci navi romane restaurate avranno presto un Museo tutto per loro

Video

L’arte del saper fare

Il Museo della Manifattura Chini


Campus al museo

Organizzati per i ragazzi dalla Regione Toscana, partecipano otto musei