Un servizio di assistenza per i malati di tumore

Garantiscono un'assistenza qualificata e costante ai malati di tumore anche al di fuori degli ambienti ospedalieri, tra le più confortevoli e rassicuranti pareti di casa. Sono i volontari del Camo, il Centro di aiuto al malato oncologico nato nel '91 su iniziativa della sezione fiorentina della Lega italiana per la lotta contro i tumori. Se è vero che oggi dal tumore si può anche guarire - e ciò è possibile nel 50 per cento dei casi - è altrettanto vero che le terapie per combattere questo terribile male richiedono tempi estremamente lunghi che non aiutano certo il paziente, soprattutto da un punto di vista psicologico. Potersi curare a casa diventa quindi fondamentale per un recupero più rapido.
Attualmente i pazienti assistiti a domicilio dal Camo sono una settantina, seguiti da un équipe formata da un medico specialista in oncologia, un medico specialista in chirurgia, due infermieri professionali, due psicologi e 35 volontari che hanno frequentato uno specifico corso di formazione. Ogni intervento viene concordato con il medico di famiglia, l'unità di radioterapia universitaria e gli altri gruppi di assistenza domiciliare operanti sul territorio (l'unità di cure continue dell'ospedale di S. Maria Annunziata e il centro di terapia domiciliare dell'ospedale di Camerata).
Tutte le prestazioni professionali - compresa la fornitura di letti snodabili, carrozzelle, busti ortopedici, materassi antidecubito e altro - sono completamente gratuite. I fondi necessari vengono reperiti con iniziative di solidarietà, esclusa la raccolta di denaro porta a porta.

Per saperne di più
Dottoressa Valeria Cavallini, responsabile operativa Camo, viale A. Volta 173, Firenze, tel. 055/5001493, numero verde 167/440550