Visite guidate ai vivai e ai monumenti della città

Scritto da Edi Ferrari |    Aprile 2013    |    Pag. 34

Giornalista. Dal 1988 nel magico mondo della comunicazione (uffici stampa, pubbliche relazioni, editoria, eccetera), e con una quasi (senza rimpianti) laurea in Lettere, collabora con Unicoop Firenze anche per l'aggiornamento dei contenuti del sito internet, per le pagine del tempo libero. Ha lavorato anche nella redazione di Aida (attuale Sicrea), dove si è occupata principalmente della realizzazione di trasmissioni televisive, fra le quali anche InformaCoop. Per l'Informatore si occupa delle pagine degli "Eventi".

È la città del blues, con una delle rassegne più importanti d’Europa, e insieme la “capitale dei vivai” grazie alle sue circa 2000 aziende florovivaistiche; ma è anche la città degli organi storici, delle confetterie tradizionali, di monumenti e chiese ricchi di fascino. Fuori dai tradizionali circuiti turistici, Pistoia merita invece più attenzione e offre l’opportunità di itinerari insoliti e originali.

Proprio quelli che, fra aprile e maggio, la cooperativa propone ai soci, con quattro appuntamenti che abbinano visite guidate ad altrettanti importanti vivai della città e poi ad alcuni monumenti del centro storico, e nella pausa pranzo un gustoso buffet con prodotti pistoiesi.

Duomo di pistoia arte e vivaiPer gli appassionati di florovivaismo si tratta di un’occasione da non perdere, poiché è abbastanza inusuale che le aziende aprano le proprie porte ai comuni visitatori; per gli amanti dell’arte e della storia è un modo di conoscere la città o scoprirne aspetti nuovi.

Protagonisti di “Pistoia città di vivai e… di musica” sono l’11 aprile i Vivai Mati e basterà un colpo d’occhio per capire quanto è profondo il legame fra questa attività e la città: la visita si tiene infatti in un’area dell’azienda che è a poche centinaia di metri dal Duomo, e dalla quale si vede anche il campanile.

Dopo aver imparato qualcosa di più sulla storia del vivaismo a Pistoia, ma anche sul paesaggio e l’ambiente, e su come si riconosce la qualità di una pianta, ecco che la visita del centro storico si snoda tra la Chiesa dello Spirito Santo e la Cattedrale di San Zeno, tra la Basilica della Madonna dell’Umiltà e la Chiesa di San Francesco, per terminare alla Fondazione Luigi Tronci.

Filo conduttore è la musica, o meglio gli organi storici conservati in queste chiese, e la tradizione della famiglia Agati-Tronci, storici organari.

Il 18 aprile, dopo la visita ai Vivai Romiti, la giornata prosegue sulle tracce di “Pistoia città dell’accoglienza e della cura”. È grazie al fatto di ospitare le reliquie di San Jacopo, che la città divenne meta di pellegrinaggio, e che quindi sorsero gli “spedali” destinati all’ospitalità e alla cura dei pellegrini: nel percorso si visiteranno la Cattedrale di San Zeno e l’altare d’argento di San Jacopo, poi l’Ospedale del Ceppo dove si trova un fregio di scuola robbiana, le opere di arte ambientale nel giardino del Padiglione di Emodialisi, destinate a risollevare lo spirito dei degenti.

Vivaio pistoia arteDedicata a “Pistoia città degli orti e del commercio” la visita del 23 aprile, con i Vivai Tesi prima, e poi un itinerario fra le strade dei commerci e delle botteghe che comprende la visita a un piccolo vivaio, ancora in attività dentro le mura della città e la visita, con degustazione, alla confetteria storica Corsini.

Maggio è il mese delle rose; allora l’8 maggio, ecco “Rose fuori e dentro le mura”. Dopo i petali dai mille colori dei Vivai Rose Barni (lo sapevate che per ottenere una nuova varietà occorrono, fra sperimentazione e coltivazione, dai 7 ai 10 anni?) il percorso si snoda attraverso la Chiesa di San Domenico e il roseto che si trova nel Chiostro (visita, quest’ultima, da confermare), la Chiesa di Santa Maria dell’Umiltà con le sue rose d’oro e i fiori di marmo, e infine la Galleria Vittorio Emanuele con le sue decorazioni di fiori di ferro in stile Liberty.

Il costo di ogni giornata è di 23 euro, e i fondi raccolti saranno interamente devoluti alla Fondazione Il Cuore si scioglie onlus.

Info e prenotazioni c/o Agenzie Toscana Turismo (Harlem Viaggi, via Monfalcone 28/30, Pistoia, tel. 0573977455)


Notizie correlate

Giardino rose rosse pistoia

Rose rosse per loro

A Pistoia un giardino per ricordare le donne vittime della violenza


L'arte nel verde

Vicino a Pistoia un parco dove le opere degli artisti si integrano con la natura