L'Italia a tavola

Scritto da Leo Codacci |    Giugno 2000    |    Pag.

Scrittore ed esperto in enogastronomia

L'Italia a tavola
Napoli è senza dubbio la sua città più famosa, ma la Campania è molto di più: dalla pineta di Sessa, dove il fiume Garigliano segna il confine con il Lazio, inizia questa regione, che racchiude tante località da sogno. Sorrento, Positano, Amalfi e Vietri sul mare, solo per citarne alcune... E ancora le isole di Ischia e di Capri, l'archeologica Pompei...
Eppure devo confessare che pure io ho fatto peccato di 'napoletanite' acuta: ero a Bosco Tre Case, ospite di alcuni amici, e sulla via del ritorno ho preso d'istinto il lungomare, per godermi la vista di un golfo che più bello e suggestivo non si può. Mi sono infilato nelle stradette scoscese, piene di panni tesi ad asciugare, fermandomi in un bar che anni prima mi aveva indicato un mio carissimo amico per farmi gustare un caffè di quelli veri. Sarà il sale, sarà l'acqua napoletana... Sarà quel che volete ma quel caffè lo ricordo ancora come il migliore di tutti i tempi.

Pasta napoletana alla puttanesca
Per sei persone: 600 g di spaghettoni, 750 g di pomodoro fresco, prezzemolo, origano, 6 acciughe sotto sale diliscate, capperi, qualche fogliolina di menta piperita, peperoncino abbondante, 120 g di olive nere snocciolate, spicchi di aglio, sale, olio extravergine di oliva.
In un comodo padellone, ben oliato, fate rosolare peperoncino e aglio, facendo attenzione a non bruciare il tutto. Aggiungete i pomodori, i capperi, le acciughe e le olive snocciolate, tutto fatto a piccoli pezzi. Mescolate, cuocete, aggiungete l'origano, la menta e il sale. Unite gli spaghettoni scolati - cotti al dente, mi raccomando! - e fateli 'saltare'. Il mio consiglio è di non usare formaggio, nemmeno il pecorino stagionato, e di abbinare con un vino rosso di Solapaca.

Baccalà come lo preparano a Napoli
Per sei persone: 1 chilo e 300 g di baccalà bagnato, 2 etti di olive nere, 7 etti di pomodoro, 4 spicchi di aglio, olio d'oliva, farina bianca, capperi e... molta attenzione!
Tagliate in giusti pezzi il baccalà. Passatelo nella farina bianca e friggetelo in olio bollente, facendo molta attenzione nel girarlo. Quando è cotto asciugatelo con un'apposita carta da cucina. A parte, in un contenitore adatto, preparate la salsa: imbiondite gli spicchi d'aglio nell'olio bollente e unite il pomodoro fatto a pezzi, aggiungete anche i capperi che avrete schiacciato per insaporire di più il sugo.
Fate lo stesso alle olive nere, avendo cura di togliere i noccioli. Cuocete lentamente per circa 20 minuti e adagiateci i pezzi di baccalà. Il sale, il pepe e il prezzemolo faranno il resto nell'esaltazione di questo piatto. Coprite con un coperchio, per fare in modo che il sugo si ritiri. Servitelo accompagnato da un vino rosso di Capri e il successo è assicurato.